Crescita aziendale e innovazione: da dove iniziare?
This website or its third-party tools use cookies, which are necessary to its functioning and required to achieve the purpose illustrated in our cookie policy.
By closing this banner, scrolling this page, clicking a link or continue to browse otherwise, you agree to the use of cookies.

Crescita aziendale e innovazione: da dove iniziare?

In diverse realtà imprenditoriali si fa fatica a pianificare con precisione il futuro. Crescita aziendale e innovazione: vediamo da dove iniziare!

crescita aziendale e innovazione

Crescita aziendale e innovazione: da dove iniziare?

In diverse realtà imprenditoriali, specialmente quelle di piccole o medie dimensioni, si fa fatica a pianificare con precisione il futuro. Normalmente imprenditori e managers sono impegnati nelle attività di tutti i giorni e sottovalutano la costruzione di una strategia a lungo termine. Tuttavia, questo modus operandi può risultare rischioso e controproducente. Ci sono alcune accortezze che, se attuate in tempo, possono garantire una crescita costante e duratura. La prima è quella di definire obiettivi chiari e raggiungibili perché da una parte i managers dell’azienda riescono ad essere più veloci e consapevoli delle loro decisioni; dall’altra si riescono a controllare meglio le performance aziendali. Ciò che realmente conta, però, è la capacità di rimanere al passo con i trend di mercato, e di adattarsi ai cambiamenti in atto che rispettivamente possono essere sia culturali che tecnologici.

“Ogni giorno ci chiediamo - Come possiamo rendere felice questo cliente? Come possiamo farlo proseguendo lungo la strada dell'innovazione? - Ce lo domandiamo perché, altrimenti, lo farà qualcun altro”. Afferma il grande imprenditore Bill Gates.

Come costruire una strategia per l’innovazione

La costruzione di una strategia per l’innovazione aziendale passa attraverso 3 punti cardine:

PRIMO PUNTO CARDINE: la consapevolezza dell’obiettivo da raggiungere. Essere consapevoli dell’obiettivo che si vuole conquistare è fondamentale per due motivi. In primo luogo aiuta a non distrarsi e a non prendere la strada sbagliata. Inoltre consente di prendere tutte le piccole decisioni quotidiane in modo più semplice perché si è indirizzati dall’obiettivo principale.

SECONDO PUNTO CARDINE: la strategia deve includere l’organizzazione delle risorse. Stiamo parlando delle risorse umane, uno degli asset di maggior valore, soprattutto quando si stratta di PMI, all’interno delle quali le persone chiave sono poche. È necessario dunque favorire la loro permanenza in azienda facendole sentire coinvolte e inserendole nelle condizioni ideali per fargli svolgere il loro lavoro al meglio.

Crescita e innovazione a misura di PMI

“Siamo una piccola azienda, siamo in pochi, non serve una strategia così precisa”. Questo è un pensiero di chi crede che avere un’organizzazione ben definita sia poco importante per un’attività di piccole dimensioni. In realtà, sono proprio le PMI ad essere le più esposte ai mutamenti di mercato e alla concorrenza. Come fare? Sicuramente l’atto di fermarsi a valutare i nuovi trend, le nuove realtà competitive e le nuove opportunità è sicuramente il metodo migliore per crescere e godere dei propri risultati per molti anni avvenire.

Questo ci porta al TERZO PUNTO CARDINE: la digitalizzazione deve essere preponderante. Questo perché ogni giorno nascono nuove start-up tecnologiche che potrebbero prendere il sopravvento e rendere il tuo business obsoleto. Il mondo delle piccole imprese ha la tendenza di portare con sé una credenza pericolosa: per innovarsi tecnologicamente bisogna sostenere investimenti molto elevati e che non possono essere alla portata di tutti. Ma non è proprio così. Se nella tua strategia di crescita includerai anche l’aspetto tecnologico, avrai molti vantaggi tra cui:

  • La possibilità di creare nuovi servizi e prodotti che altrimenti non potresti vendere.
  • Puoi conoscere più facilmente i tuoi clienti e quindi creare con loro una relazione personalizzata e unica nel suo genere.
  • I clienti che avrai fidelizzato in questo modo sono i clienti che portano il maggior valore aggiunto alla tua azienda
  • Avrai una gestione operativa migliore e che quindi comporterà costi minori. In questo modo avrai anche la possibilità di ammortizzare l’investimento che hai fatto per digitalizzare la tua impresa.

La roadmap digitale e l’intervento di Icesquid

Anche la digitalizzazione in sé merita di avere una strategia che possiamo chiamare “roadmap digitale” che consigliamo di strutturare su un orizzonte temporale di 2-3 anni. In questa roadmap digitale bisognerà calcolare l’impatto che può avere il cambiamento, così come tenere sotto controllo spese e ricavi derivati dalle nuove tecnologie messe in atto. Il primo step dal quale partire è sicuramente un’analisi su quali miglioramenti attendersi se si utilizzano le tecnologie disponibili.

In secondo luogo bisognerà affidarsi a dei professionisti del settore che siano in grado di sviluppare le migliorie che credi necessarie per la tua realtà. Questo è un passaggio molto delicato e da affrontare con parecchia attenzione perché portare avanti un progetto di innovazione e sviluppo aziendale senza le giuste conoscenze può farti sprecare risorse importanti.

Una soluzione valida è quella di affidarti a noi in qualità di professionisti perché siamo in grado di indirizzarti verso le software house in grado di sviluppare un progetto che sia in linea con le tue esigenze. Compila il questionario e ricevi proposte da parte delle migliori software house italiane in modo completamente gratuito. Clicca qui

A presto!